CREAZIONE DELLA CORPORATE IMAGE

Il concetto di corporate image, si riconduce principalmente agli elementi grafici che indicano e definiscono in maniera oggettiva, tutta la parte estetica attraverso cui l’azienda in questione si presenta al pubblico.

Tutti questi elementi, dovranno obbligatoriamente essere progettati secondo principi di coerenza, riuscendo in ogni caso a creare impostazioni grafiche adeguate a partire dal logo, e riprendendone in maniera precisa forme, caratteri, colori e segni, da implementare armoniosamente in tutti gli strumenti (cartacei e non) utilizzati nella comunicazione istituzionale. Di tutti i materiali che normalmente vengono utilizzati in questi ambiti, i più comuni sono senza dubbio brochure, volantini, carte intestate, buste da lettera e biglietti da visita, ma potremmo pensare ad esempio anche ad elementi non propriamente così “riconoscibili” come cravatte, foulard, orologi, spille e quant’altro possa in qualche modo rappresentare, anche solo per delle occasioni particolari, l’immagine aziendale.

CORPORATE IMAGE: QUELLA ISTITUZIONALE FUNZIONA ANCORA?

Relativamente al tipo di azienda, si. Con lo sviluppo repentino dei nuovi canali comunicativi nel web, molte attività hanno iniziato a costruire non solo la propria credibilità, ma anche la propria immagine fisica partendo da altri strumenti come ad esempio siti internet e blog. La centralità del logo vero e proprio come principale mezzo di riconoscimento è venuta un po’ meno perché probabilmente non è più visto come un canale “rapido” al raggiungimento degli scopi commerciali tipici.

Tuttavia, ogni impresa che potremmo definire dotata di un certo tipo personalità e che riesce a distinguersi dalla massa che la circonda, fonda la sua riconoscibilità su un lavoro impeccabile dedicato proprio alla creazione di una corporate image degna, chiara e sufficientemente comunicativa attraverso tutti i canali, tra cui anche quelli classici legati proprio al mondo della grafica offline.

Questo tipo di identità aziendale deve però essere progettata e costruita nel tempo, con una attenzione maniacale al dettaglio per ogni cosa, e con una apertura mentale in grado di capire che, tutto quello che parla a nome della società madre, sia questo un bigliettino, una mail, un’etichetta esplicativa di un prodotto o un cadeaux per un certo tipo di clientela, deve trasudare quella espressività che parte dal logo e che tutti devono imparare a percepire con il nome dell’azienda proprietaria.

la corporate image quindi, rimane ancora uno strumento più che valido per ampliare la riconoscibilità del proprio marchio ed è sempre strettamente legata a quello più grande di brand identity, in cui non viene mai a mancare una sottolineatura importante sul fatto che seppure l’immagine di un’azienda non si deve mai ridurre solamente ad una questione estetica, non va mai sottovalutata la questione per cui il primo approccio al volto vero e proprio di una società sia puramente visivo, e quindi tutto deve rispecchiarne i valori, la mission, la filosofia e la politica.

Intraprendere un percorso di costruzione di immagine coordinata, significa diffondere per grandi canali la voce del marchio e migliorare l’esperienza emozionale del consumatore, aumentandone la percezione positiva verso il proprio brand.